Clandestino precipita da un aereo La fuga andata male scuote Londra

Pubblicato: settembre 12, 2012 in Eccentricities

HEATROW

L’hanno visto precipitare dal cielo, come in un film dell’orrore. Quanto è durato il volo? Trenta secondi? Un minuto? Quanto ci si mette a sfracellarsi a terra quando si pensa di essere arrivati sulla soglia di una nuova vita?

Nessuno sa ancora come si chiamasse. Ma si sa che era un clandestino. E che probabilmente aveva trent’anni. Quello che è rimasto del suo corpo non agevola l’identificazione. Era un uomo. Questo è sicuro. E presumibilmente si era nascosto nella pancia di un aereo in arrivo dal medioriente, probabilmente nel carrello d’atterraggio. Quando il pilota ha cominciato le operazioni di discesa non è riuscito a tenersi stretto. O forse il gelo lo aveva già ucciso. Sarà un’autopsia a stabilire come è andata davvero. Comunque si è schiantato a pochi chilometri da Heathrow, in un grande parcheggio di una strada residenziale, Portman Avenue. Ha sfondato il tetto di una macchina ed è rotolato sul selciato. Gli abitanti della zona sono corsi in strada e hanno chiamato la polizia. Sono arrivate le ambulanze. E Scotland Yard ha detto: «Sì, probabilmente era un clandestino». Niente di più. Gente senza nome e senza storia, che vale poche righe sul giornale perché rischia tutto non avendo niente, se non lo sgradevole privilegio di uscire di scena sconvolgendo la quiete di un quartiere di periferia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...