Archivio per dicembre, 2012

Tau Ceti (τ Cet / τ Ceti) è una stella della costellazione della Balena simile al Sole sia per massa che per tipo spettrale. A soli 12 anni luce dal Sistema Solare, è assai vicina.

Tau Ceti è carente di metalli e per questo è poco probabile che abbia dei pianeti rocciosi. La stella è circondata da un disco di polveri, come è stato osservato dai telescopi in varie parti del mondo. Appare stabile, con leggere variazioni. Nessun compagno è stato ancora rilevato intorno a Tau Ceti con la misurazione della velocità radiale o con misure astrometriche. Non è però esclusa la presenza, attorno alla stella, di un oggetto semistellare, come una nana bruna.

Nonostante venga considerato il fatto che un ipotetico pianeta simile alla Terra orbitante intorno a Tau Ceti subirebbe un costante e intenso bombardamento meteorico, per le somiglianze col Sole e la relativa vicinanza, la stella è costantemente tenuta d’occhio dal SETI. Tau Ceti non ha un nome proprio riconosciuto, e dalla Terra appare con una magnitudine apparente di 3,5. Visto da Tau Ceti, il Sole apparirebbe come una stella di terza magnitudine nella costellazione del Boote.

https://i0.wp.com/www.ufopedia.info/images/e/ec/749px-Cetus_constellation_map.png

Rivoluzionaria scoperta degli astronomi dell’università dell’Hertfordshire: Tau Ceti, una delle stelle più vicine e più simili al Sole, ospita cinque pianeti di cui uno nella zona abitabile.  Tau Ceti, che fa parte della costellazione di Cetus, non è solo vicino al nostro Sole (12 anni luce), ma è anche molto simile ad esso per la sua massa e la radiazione. In passato, molti occhi erano rivolti verso di essa alla ricerca di una ipotetica forma di vita aliena, ma ogni sforzo è sempre stato vano. Nessun pianeta è stato mai rilevato intorno a Tau Ceti, fino a quando un team internazionale ha di recente avuto l’idea di testare una nuova tecnica di raccolta dati astronomici, in grado in rilevare segnali due volte più potenti.

tau ceti

Il Sole (a sinistra) , un po’ più grande e più caldo, ma comunque simile,
rispetto a Tau Ceti (a destra). Foto Wikipedia.

 

“Abbiamo scelto Tau Ceti (…) perché abbiamo pensato che non contenesse alcun segnale.

Ed è così luminoso e simile al nostro Sole. Si trattava di un banco di prova ideale per testare il nostro metodo per la rilevazione di piccoli pianeti “, ha spiegato in una dichiarazione Hugh Jones della University of Hertfordshire, Regno Unito.

Gli astronomi hanno scoperto cinque pianeti, con una massa compresa tra due e sei volte quella della Terra. Uno di loro sembrerebbe “abitabile”: né troppo caldo né troppo freddo, permetterebbe l’esistenza di un ambiente con acqua allo stato liquido sulla superficie e pertanto potrebbero esserci forme di vita.

Astronomy & Astrophysics, conferma una nuova idea:

“Quasi tutte le stelle hanno pianeti intorno, e la galassia deve quindi contenere un gran numero di pianeti potenzialmente abitabili con una dimensione simile alla nostra,” ha aggiunto Steve Vogt dell’Università di California a Santa Cruz.

 L’European Southern Observatory (ESO) ha recentemente stimato che miliardi di questi pianeti esistono nella Via Lattea, di cui un centinaio vicini al nostro sole.

Snow, deep snow, is one of Henning Mankell‘s first memories, and later in life, after choosing to divide his time between Moçambiqueand Sweden, Henning states:
– I stand with one foot in the snow and one foot in the sand.

Henning Mankell was born in Stockholm on the 3rd of February 1948. When Henning was barely two years old his father, Ivar Mankell, was offered to serve as a court judge in a small town in the north of Sweden called Sveg, where Henning spent his childhood. In many ways Sveg was a wonderful place to grow up in and today Henning Mankell looks back on the dark winter days as among the happiest of his life.

– We were not rich, but we did not lack anything either.

Nevertheless, his childhood was also affected by the fact that he grew up without a present mother.

– My mother did what many men do, she left.

Hence, Ivar Mankell raised his children himself and he always encouraged them to read, but he never told them what to read. So Henning Mankell read a lot about the African explorers and imagined that the logs in Ljusnan, the river that runs through Sveg, were crocodiles in the Congo.

– Africa was the most exotic place I could imagine – the end of the world – and I knew I would go there one day.

He also learned that imagination could be an instrument of survival, not just of creativity.

– In my mind I created another mother for myself to replace the one who had left. And I think this was me at my best, when the forces of imagination had the same value as the real world.

At the age of six his grandmother taught him to read and write and for Henning Mankell that was a profound experience.

– I can still remember the miraculous feeling of writing that I a sentence, then more sentences, telling a story. The first thing I wrote was a one-page summary of Robinson Crusoe and I am so sorry I do not have it any more; it was at that moment I became an author.

Growing up in a flat above the law courts it was almost inevitable that Henning Mankell would be interested in the justice system and how it works. One time his toy cars were needed to demonstrate how a traffic accident occurred. Another time, the children’s school holidays were prolonged as Henning’s father investigated a local murder.

The four books in Henning Mankell’s series about the boy Joel are set in Sveg, and walking through Sveg it is possible to locate some of the places in the series. Moreover, in 2007 a cultural centre was inaugurated in Sveg named after Henning Mankell and it hosts a permanent exhibition about him and his work.

When Henning Mankell was thirteen his family moved to Borås, a city 50 km north west of Gothenburg on the Swedish west coast. Henning Mankell was soon bored with secondary school and left at the age of 16 for Paris. Shortly after he left Paris to work as a merchant  seaman. He worked for two years as a stevedore on a Swedish ship ferrying coal and iron ore to Europe and America.

– I loved the ship’s decent hard-working community. It was my real university. It was also a romantic Conradian dream of escape, though there were long, boring times too.

After having signed off Henning Mankell settled in Paris in 1966. He stayed there for a year and a half in a constant shortage of money, although he experienced the activism and political debate. Thereafter he went to Stockholm to work as a stagehand. While working as a stagehand he wrote his first play, The Amusement Park, about Swedish colonial interests in the 19th century’s South America.

In 1973, shortly after his father died, Henning Mankell’s first novel The Stone Blaster was released. It tells the story of the workers’ union movement and is still in print in Sweden. It is about an old man looking back on his life and on Swedish society and the need for solidarity, a theme that is frequently recurring in Henning Mankell’s works and in his life.

– Although my father passed away before my first novel was published I knew he believed in me and was confident that I would have success as a writer.

Having published his first novel Henning Mankell realized his dream of going to Africa and arrived in Guinea-Bissau the same year as The Stone Blaster was published.

– I don’t know why but when I got off the plane in Africa, I had a curious feeling of coming home.

Since then Henning Mankell has spent a great part of his life on the African continent. After living in Zambia and other countries, he was invited in 1986 to run the Teatro Avenida in the capital of Mocambique, Maputo. Since his arrival in 1986 he is spending at least half the year in Maputo working with the theatre and writing. Living and working in Africa, has given Henning Mankell another perspective on Sweden and Europe.

– I am like an artist who must stand close to the canvas to paint, but then take a step back to see what I have painted. Africa has provided my life with that movement. Some things you can only see at a distance.

At present his function at the theatre is that of an artistic leader, while one of his dearest friends, Manuela Soeiro, who founded the small theatre company in 1984, is running it.

– One of the greatest adventures and challenges of my life has been my work with the Teatro Avenida. Working with people from different cultures make you realize that there are more things uniting us than separating us.

The Teatro Avenida has since the beginning been concerned with the political and social issues that are topical in Mocambique. Manuela Soiero states:

– We look at the issues which are affecting the people and then think about how we can tackle those issues. I write many of the plays myself, or co-write them with Henning.

From the early 1970’s Henning Mankell has divided his time between writing novels and directing at various theatres. His ambition to expose the lack of equality in society has also been the same, regardless of artistic expression and context.

In 1979 Henning Mankell published his first novel for the publishing house Ordfront, The Prison Colony that Disappeared. This is also where he met his editor and good friend Dan Israel. However, in 2001, after more than 20 years with the publishing house, Henning Mankell and Dan Israel left Ordfront to start a publishing house of their own, Leopard Publishing House.

In the beginning of the 1980’s Ordfront published one novel a year by Henning Mankell, among them the novel Daisy Sisters, released in 1982. This novel has meant very much to Henning Mankell. It is a story about two generations of working women in the era after the Second World War. The inspiration for the novel was a meeting with a group of female overhead crane drivers at a factory in Borlänge, Sweden. They met to discuss the difficult questions of today and Mankell took part. He was very impressed with the women and decided that he wanted to know and understand more about them and their situation.

In 1984 Henning Mankell became the head of Kronobergsteatern in Växjö, Sweden, in which he introduced a new view of what to perform. He wanted to produce only Swedish plays, which turned out to be a success. His work at the theatre resulted in him not publishing anything between 1984 and 1990.

In 1990 Henning Mankell made an effective comeback, publishing two books in the same year, The Eye of the Leopard, a haunting novel juxtaposing a man’s coming-of-age in Sweden with his life in Zambia, and the first book in the series about Joel, A bridge to the Stars. A Bridge to the Stars won the prestigious Rabén & Sjögren award for best children book that year. The year after the first novel in the series about the detective Kurt Wallander, Faceless Killers, was released.

– I had been away from Sweden for some time. When I returned I became aware that racism was exploding and I decided to write about that. To me racism is a crime, and I thought: Ok, I’ll use the crime story. Then I realised I needed a police officer, and I picked the name Wallander out of the telephone directory. It was May the 20th 1989 when Kurt was born.

In Faceless Killers, an elderly couple are murdered on an isolated farm after being brutally tortured and the woman’s final word ‘foreign’ unleashed a ferociously anti-refugee sentiment in Ystad. The novel was an immediate national success claiming several awards. However, it was not until the third book about Wallander, The White Lioness, that the series about the detective from Ystad became the international bestseller it is today.

– The novel is partly set in South Africa and was published in several countries. It blew out the gates. I wrote The White Lioness as an invocation, that nothing would go wrong during the South African election.

While the Wallander-series gained international interest Henning Mankell kept writing other novels as well. In 1991 the second book in his series about Joel was released, Shadows in Twilight.  In the years following 1991 Henning Mankell published one Wallander-detective story each year.

In 1995, in addition to the Wallander mystery Sidetracked, Henning Mankell released two other novels. One of them, Secrets in the Fire, was the first part of the trilogy about the African girl Sofia, the girl who lost her legs when she accidentally stepped on a landmine.

– Sofia is one of my closest and dearest friends. No one has taught me as much as she has about the conditions of being human. Nor has anyone taught me more about poor people’s unprecedented power of resistance. Those who are forced to survive at the bottom of society in a world we all share and inhabit; so unjust, brutal and unnecessary.

In 2007 Henning Mankell completed his trilogy about Sofia with the novel Eldens vrede (which will be published the United Kingdom in July 2009). The second part, Playing with Fire came in 2001, and the first part, Secrets in the Fire, came in 1995. All the books about Sofia separately adresses issues close to Henning Mankell’s heart. In the first one it is landmines, in the second one AIDS and in the last one Sofia has grown to become a young woman and mother of two children and struggles to make ends meet.

The books about Sofia have been a great success and are read by school children all over the world, raising awareness of some of the problems that the people in Africa are facing in their daily struggle for survival.

Since he came to Africa Henning Mankell has been passionately dedicated to resolving the problems tearing the continent apart. He is especially committed to the fight against AIDS and devotes much of his spare time to his “memory books” project, which aims to raise awareness of the catastrophe. Parents dying with AIDS are encouraged to record their life stories in words and pictures, but not just for the children they leave behind, but also as a human chronicle

– Maybe in 500 years these “memory books” will be a great record of African times. My hope is to store them in the new Alexandrian library in Egypt.

In 2003 Henning Mankell published a book entitled I Die, But My Memory Lives On which he hoped would raise awareness of AIDS in the West. The foreword of the book is written by Archbishop Desmond Tutu.

Henning Mankell is also a firm critic of the West’s apathy towards solving the AIDS-issue.

– In our wealthy European enclaves, new drugs have almost turned AIDS into a chronic disease. Nowadays, an HIV-positive European can almost expect to live a relatively normal life. In Africa, people just die. I can’t imagine a more cynical image of injustice, and it’s one with which our cynical society controls us. We just stubbornly refuse to admit it.

Henning Mankell’s tenacity to African issues resulted in him being invited by the former Federal President of Germany Horst Köhler in 2005 to join his initiative Partnership with Africa. Among the other participants were the former Secretary General of the UN, Koffee Annan, and Ghana’s President, John A. Kuffour.

– What Africa has taught me is that the worst thing in the world is the fact that there is so much suffering that is absolutely unnecessary. We could stop it tomorrow. No child needs to die from malaria. It would cost the same amount of money as we spend on pet food in the West to teach every child in the world to read and write.

The Partnership with Africa conference was at that time located in Bonn, Germany and it was the first meeting of a collaboration for an equal partnership between Europe and Africa. Köhler was confident that the international association signaled an important message. He spoke about global environmental problems, AIDS, and the need for cooperation across borders.

Afterwards Köhler said:

– The Conference triggered off a clear awareness that we are interdependent. Africa needs support from the outside, but Europe needs Africa just as much.

Henning had been asked to hold an initial presentation at the conference. He concluded his speech with an anecdote about a poor man he had met once. A man who had painted shoes on his feet. The man had thus found a way to maintain his dignity. This story of resistance and dignity of the painted shoes became a symbol for many of the speakers at the conference.

– The power of maintaining ones dignity under the most appalling conditions is crucial for the future. Those who believe that this force is missing on the African continent are wrong. Still there are too many people in Europe who only know how Africans are dying, not how they live.

In October 2007 Henning Mankell and his wife since 1998 Eva Bergman, a Swedish theater director, donated money to the Swedish welfare organization SOS Children’s Villages to fund the construction of three villages in Mocambique for orphans. The money will be used to build 15 houses which will become the home for 150 children

– There are 800 thousand orphans in this country. I can’t help them all but that doesn’t mean that I shouldn’t help some. To me this is no sacrifice, it’s a privilege.

Henning also decided in 2008 to help an entire Indian village, and therefore came up behind the Swedish business magazine Dagens Industri’s money collection campaign for the help organization Hand in Hand. It will lead to that a hundred micro businesses can be started, that one hundred adults will be able to learn to read and write, and that a civic center can be started. Henning feels in particular for Hand in Hand’s clear focus on helping poor women.

– With limited resources, people can get help to get up. I think that Hand in Hand has an important role to play. To invest in women, I think is a good way to get out of poverty. It is the women who keep the family together and have the main responsibility for family support. I have spent so much of my time in Africa, where you live in the middle of this incredible poverty, that is such an unnecessary poverty.

Also, Africa has had a great influence on his work. His award winning novel The Chronicler of the Winds (1995) is set there, and is deeply influenced by traditional African storytelling. On the rooftop of a theatre in an African port, a ten-year-old boy lies, slowly dying of bullet wounds and on that roof top he tells his story. Furthermore, half the Wallander mysteries were written there.

As the Wallander-series was published in more and more countries, Henning Mankell also became a more public figure. However, it was not until recently that Henning Mankell became more familiar to the public than his fictious creation, Kurt Wallander. Nevertheless, Henning Mankell is not sure they would get along that well.

– I am not sure we would be friends if we met in real life. We share a love of music and a Calvinist attitude to work, but otherwise we are quite different and I don’t like him very much.

The nine Wallander stories are set in the small town Ystad in the county of Skåne on the southernmost tip of Sweden. Henning Mankell lived there himself in the 1980’s and still owns a farm outside the town.

– Skåne is the place where Sweden ends – a sort of Baltic Texas. Border areas have their own dynamics: they set off a sense of unease.

Henning Mankell’s Wallander is not only a literary success; in 2008 BBC adapted three of the Wallander stories into 90-minute episodes for TV, starring Kenneth Branagh as Wallander. The three novels are; One Step Behind, Firewall and Sidetracked.

As the Wallander-series have attracted millions and millions of readers, Henning Mankell’s other literary production is now also coming into focus. Although, his series about Joel as well as Sofia, have been read by children and adults all over the world, his fans are now beginning to discover the immense width of Mankell’s authorship.

After Henning Mankell completed the Wallander-series in 1999 he has written twelve novels and a number of plays. In 2004 Depths was published, a lyrical and evocative novel about a Swedish naval engineer during World War I and his devastating plunge into obsession. In 2008 Mankell released a thriller, The Chinese. It was published in seven countries simultaneously and apart from being a crime story it also discusses the tremendous transformation undergone by China in the last twenty years and the repercussions this has and will have domestically as well as globally.

– The free market has provided China with more freedom and a tremendous economic rise. However, this economic rise has also resulted in increasing gaps and social injustice within the Chinese society and the communist party is guilty of committing horrible injustices. Nevertheless, the party has enabled one billion Chinese to leave poverty behind and is still regarded by many Chinese to be the guardian of solidarity.

On the third of February 2008 Henning Mankell celebrated his 60th birthday with a party in Maputo. Among the guests were his family, colleagues and friends.

– I usually do not celebrate my birthdays but this time I was persuaded to have a party. At first we talked about having a big party in Stockholm. But it was better to have the party, in Maputo. There were fewer people and it was possible for me to limit it to close friends and colleagues. It was also an excellent opportunity for many of my friends from other parts of the world to visit Africa and Mocambique for the first time.

For 50 years Henning Mankell dreamed about going to Timbuktu in Mali. In May 2008 the journey finally happened.

– This was the final step on a long journey through many African countries.

The purpose of the trip was not only to fulfill a dream, but also to take the opportunity to speak freely in two one hour-long programs about the Africa Henning had lived in since 1972. However, a condition for his participation in the two programs was that they would let him include Timbuktu.

– In Timbuktu it is possible to expose one of the great lies about the Sub-Saharan Africa. One of West’s lies about the poor world.

Timbuktu was during the 14th and 15th centuries a meeting place for poets, architects and intellectuals. Then the downturn came and all the institutions of education in Timbuktu were destroyed. Numerous of manuscripts were buried in the sand. Transcripts that today have been found again and still new discoveries are made every day.

– The lie about an Africa without written traditions is being crushed in Timbuktu. Once and for all. The history is being rediscovered, the one that has been hidden in sand or been denied by Europe.

A few years ago Ahmed Baba’s Institute in Timbuktu was inaugurated, and that is where the retrieved writings are collected. But Mali is a poor country and the safety of Ahmed Baba’s institute is low in relation to the manuscripts actual value. Henning has sent letters to universities that cooperates with Timbuktu, including the university in Oslo, to stress the importance of the manuscripts’ security.

– It is important that the world takes responsibility for this heritage. And for that, money is needed.

Right before Henning left Timbuktu, he spent several hours in one of the rooms where broken manuscripts are repaired.

– They sat there in the present, with the past on the table, in the process of repairing them to make them legible for the future. But do we realize that their findings in many ways mean that our history also must be rewritten? A history never stands for itself. One cannot be written without the other.

Henning Mankell was in June 2008 given an honorary doctorate at St Andrews University. Past honorary doctors at St Andrews is the Dalai Lama and Bob Dylan.

2009 Henning Mankell received the honor to sit in the jury of the Berlin Film Festival, Berlinale 2009. The jury consists of several of the film industry’s most significant personalities.

Also, his novel The Man from Beijing was released in the US, the UK and Canada in the end of February 2010. The very last novel about Wallander, The Troubled Man, was released in the US, UK and Canada in the beginning of 2011.

Henning Mankell is currently working on a new novel. Henning Mankell’s latest novel, A Treacheorus Paradise, was published in Sweden in August 2011 and will be translated into English in 2013.

“La strana coppia
Roslund & Hellstrom,
un giornalista e un ex detenuto
che nei loro gialli raccontano
l’altra faccia del Paese modello”.

 Si sono incontrati lavorando sul problema delle carceri e del reinserimento nella società per gli ex detenuti: uno giornalista televisivo, l’altro ex detenuto che aveva fondato un’associazione per il recupero dei carcerati. Anders Roslund e Borge Hellstrom non si sono però limitati a collaborare su questo terreno: sono diventati amici, e hanno deciso che una storia vera diventa più vera ancora se si trasforma in un romanzo.

Ora sono una coppia di successo: i loro gialli, cupi, ferocissimi, sono premiati, venduti e tradotti. Hanno cambiato mestiere, anche se non del tutto: «Questa non è la Svezia», scrivono ironicamente nei ringraziamenti, in coda alle 760 pagine di Due soldati, appena uscito per Einaudi che già aveva pubblicato Tre secondi.

È la storia di una gang di giovanissimi, con boss appena maggiorenni e spacciatori dodicenni, ambientata in un quartiere dormitorio di Stoccolma. Ma questa non è la Svezia, ci ripete Anders Roslund, perché il suo Paese continua a non pensare di essere «questo». Invece, aggiunge, quando «metti insieme cinque personaggi reali e ne fai uno solo inventato» forse riesci a perforare le corazze dello scetticismo. «Noi svedesi sappiamo benissimo che ci sono migliaia di ragazzi in prigione, ma continuiamo a pensare di essere un modello per il mondo, e a girare la testa dall’altra parte. Per fortuna ora qualcuno comincia a capire, qualche politico ci dà persino ascolto».

L’immaginario quartiere di Raby, a Sud di Stoccolma, è una sentina dell’inferno: caseggiati anonimi, dove fianco a fianco vivono immigrati e occupanti abusivi, e dove vige la sola legge dei ragazzini violenti. Gli abitanti danno fuoco alle proprie case, per rabbia e disperazione, e le gang assaltano i vigili del fuoco impedendo di spegnere i roghi. Si commerciano grandi quantità di droga, si commettono furti e rapine; intimidazioni, minacce, botte, colpi di pistola sono all’ordine del giorno per chi non sta alle «regole». La polizia entra con molta circospezione fra quei blocchi di appartamenti che paiono fortezze, il controllo della zona da parte dei piccoli delinquenti è totale.

La vicenda di Due soldati si svolge fra il quartiere e un carcere di massima sicurezza, dove è rinchiusa una parte della gang protagonista del romanzo. Un capo dentro, un altro fuori: insieme organizzano quella che dovrà essere l’evasione del secolo, destinata – nelle loro intenzioni – a renderli famosi. Va detto, pur senza anticipare gli sviluppi successivi e soprattutto il finale (cari lettori, questo non è il finale: non vi stiamo rovinando la suspense), che riuscirà in modo tragico e spettacolare. I veri colpi di scena saranno nelle quasi quattrocento pagine di imprevedibili conseguenze. Uno riguarda in particolare il lettore italiano: cui non sfuggirà che Roslund & Hellstrom stanno descrivendo una Scampia boreale.

Il quartiere napoletano che rappresenta il più grande mercato della droga ha gli stessi giovanissimi protagonisti, le stesse dinamiche, la stessa impenetrabilità. E Anders Roslund lo sa: «La differenza è che per voi è almeno un problema ben noto in tutta la sua gravità. Le nostre Scampia nelle periferie delle città industriali, invece, non lo sono». È bene informato sull’Italia? «Direi di sì. Il mio bar preferito qui a Stoccolma, nel centro antico, si chiama Caffè dello Sport. Il padrone è di Palermo, e mi racconta esattamente queste cose. La verità è che oggi il crimine organizzato è globale, ha dinamiche simili in tutto il mondo. Raby, per esempio, è un’area inventata, anche se dopo il successo dei nostri libri si comincia a credere che esista davvero in quanto tale; in realtà è la somma di certe zone di Göteborg o Malmö. Perché Scampia è dovunque».

Nel vostro caso sembra raccontata come una tragedia greca. C’è come la sensazione di un destino ineluttabile. «Non volevamo questo, anche se certi eventi chiave si ripetono a distanza di anni con una cadenza impressionante. Credo anzi che abbiamo lasciato una porta aperta alla speranza». Inoltre è raccontata molto dall’interno. È forse un pezzo di biografia del suo coautore? «No, Borge è stato parte del mondo criminale in un tempo in cui ancora le gang giovanili non esistevano». Come lavorate? «Questa è l’unica domanda cui non rispondo. Siamo un autore unico, il resto è una parte intima della nostra esperienza».

Le coppie in Svezia vanno forte: sotto lo pseudonimo di Lars Kepler (pubblicati da Longanesi) si nascondono marito e moglie, per non parlare di Maj Sjöwall e Per Wahlöö (tradotti da Sellerio). «Quelle però sono appunto coppie sposate». Fa differenza? «Non saprei, in ogni caso Maj è una nostra cara amica. Lei e Per Wahlöö sono stati i padri del giallo svedese, non dimentichiamolo». Un po’ ideologici, non le pare? «Scrivevano negli Anni 60. Noi certo siamo molto diversi, ma nel frattempo è cambiato tutto».

ARTICOLI CORRELATI:

http://islamizationwatch.blogspot.it/2010/06/fires-and-rioting-in-stockholm-suburb.html

Pubblicato: dicembre 18, 2012 in Altura e Cultura

TORNA L’APPUNTAMENTO CON GLI SQUADRATI !

Quadrato semiotico della fine del mondo – Il 21 dicembre si avvicina e Squadrati si affretta ad affettare il mondo prima il mondo affetti noi. Le Cassandre sono tante e i segnali non sono meno (“mi consenta”, non ci sono solo i Maya). Tra paure esagerate e minacce sottovalutate, ecco i 4 profili apocalittici della fine del mondo:

SQUADRATI

Quadrato semiotico della fine del mondo – Il 21 dicembre si avvicina e Squadrati si affretta ad affettare il mondo prima il mondo affetti noi. Le Cassandre sono tante e i segnali non sono meno (“mi consenta”, non ci sono solo i Maya). Tra paure esagerate e minacce sottovalutate, ecco i 4 profili apocalittici della fine del mondo:

quadrato semiotico della fine del mondo



Follow Me on Pinterest

View original post

Inizia l’età dell’ansia. Non la generica paura per un momento di difficoltà, non la consapevolezza che stiamo vivendo una stagione di vacche magre, ma la percezione collettiva che la realtà stia cambiando in maniera irreversibile e in senso fortemente peggiorativo. E’ questa l’Italia del 2012, secondo il 46° Rapporto del Censis sulla situazione del Paese, presentato stamattina a Roma.

Dentro quest’ansia collettiva ci sono una serie di fenomeni, il primo dei quali è la fine del lavoro inteso come fondamento della sussistenza economica e della stabilità. Ma c’è anche «l’ansia dei piccoli imprenditori rispetto all’ipotesi di dover chiudere attività e impianti», l’insicurezza «delle famiglie esposte al drastico impoverimento delle risorse e degli stili di vita», l’improvvisa «fragilità delle banche», il «terrore delle classi di governo di fronte all’incubo dello spread».

Realtà non nuove, nella loro essenza, ma totalmente nuove nella loro portata, al punto che gli italiani non sono stati più in grado di classificarle come qualcosa di conosciuto e governabile. Il Censis parla di «fenomeni enormi» come la speculazione internazionale, la crisi dell’euro e l’impotenza dell’apparato europeo. «Fenomeni estremi», come l’onda montante dello spread ma anche il rischio default, e soprattutto la crescente «crisi della sovranità» che rende l’Italia ma anche l’Europa incapaci di affrontare con le proprie forze l’impoverimento crescente.

«Il combinarsi di questi tre fattori (grandi fenomeni, eventi estremi e crisi delle sedi di sovranità) – dice il Rapporto – ha concorso a rendere inservibile il silenzioso “io posso” che per decenni ha fatto da riferimento vitale ai vari soggetti di questa società».

Religione
Sei cattolico? Se a questa domanda il 90% degli italiani avrebbe risposto di sì fino a qualche anno fa, oggi – rileva il Rapporto Censis – si dichiara cattolico meno di un italiano su tre (63,8%) segno di una secolarizzazione ormai di massa. Ciò detto la religione e la dimensione del sacro non sono abbandonate, tant’è che il 21,5% degli italiani considera «la tradizione religiosa un fattore di comunanza» e il 35,5%, di fronte alla richiesta se c’è qualcosa in cui crede, risponde «in Dio». E comunque il 51,3% degli italiani dichiara che la domenica partecipa a funzioni religiose, anche se sporadicamente.

Istruzione
La scuola non serve più. Basta con i licei che impongono lunghi (e inutili) percorsi di studio e basta, soprattutto, con l’università. C’è stato un travaso di adesioni alle scuole tecniche e professionali negli ultimi due anni, rileva il Censis, e dal 2006 al 2011 il numero delle immatricolazioni all’università è diminuiti del 6,5%. La disaffezione verso l’istruzione come investimento è dovuta al fatto che non la si considera più importante per la ricerca di un lavoro e come ascensore sociale. Per contro, nella fascia più colta e ricca della popolazione, aumenta «l’internazionalizzazione della formazione»: chi può – dice il Censis – manda i figlia studiare per lunghi periodi all’estero e investe sulle lingue.

Prostituzione  

Aumenta la prostituzione, come deriva estrema della povertà strisciante – rileva il Censis – ma ciò che emerge e che preoccupa, è l’incremento della prostituzione minorile, che riguarda le bambine in massima parte ma anche i ragazzi. Duemila minori sono sulla strada, dice il Rapporto, ma almeno seimila si vendono «indoor», in centri benessere ma anche in case private o attraverso Internet. Si tratta per lo più di ragazze dell’Est europeo, ma anche di ragazzini Rom.

Grattacieli
Epure si costruiscono ancora grattacieli. Sono 13 quelli in corso di realizzazione o di progettazione avanzata. Si tratta di opere decise – per lo più – vari anni fa, quando ancora si poteva, ma che, comunque, vedranno ora la luce. Renzo Piano, Massimiliano Fuksas, Arata Isozaki, Zaha Hadid, Daniel Libeskind, Franco Purini, sono alcune delle archistar che firmano i 13 nuovi colossi che entro il 2015 offriranno nuove prospettive agli skyline di Roma, Milano, Torino e Bologna. Il più alto è previsto a Torino dove, Massimiliano Fuksas, per la sede della Regione Piemonte ha progettato un edificio di 209 metri di altezza e 41 piani che dovrebbe essere terminato nel 2014.

Gioielli
Oro per campare. Due milioni e mezzo di famiglie italiane – rileva il Censis – ha affrontato le secche della crisi facendo ricorso anche alla vendita della piccola gioiellerie di famiglia. Ma è in crescita anche il numero di coloro che danno fondo ad altri beni preziosi presenti nelle proprie case, come opere d’arte, argenteria, tappeti antichi (oltre 300.000 famiglie). L’85% delle famiglie italiane – dice il Rapporto – ha eliminato sprechi ed eccessi e il 73% va a caccia di offerte e alimenti meno costosi.

La NASA annuncia il figlio di Curiosity  – Gli strumenti del robot laboratorio Curiosity hanno scoperto sicure tracce di molecole inorganiche, come composti a base di acqua, cloro e zolfo, ma resta un alone di incertezza attorno alla scoperta di molecole a base di carbonio, idrocarburi clorinati che potrebbero avere un’origine organica, ma che potrebbero anche non averla. Finora ”non c’è certezza assoluta” che siano stati individuati materiali organici, ”ma continueremo a cercare in diversi ambienti del cratere Gale”, ha dichiarato il responsabile di uno degli strumenti del robot laboratorio Curiosity della Nasa, Paul Paul Mahaffy.

Per gli esperti della Nasa queste prime analisi del suolo marziano sono considerate una prova generale delle capacità degli strumenti di Curiosity di analizzare qualsiasi tipo di suolo e roccia: un lavoro che il robot dovrà eseguire ripetutamente nei prossimi due anni. Ad analizzare i primi campioni di suolo marziano sono stati gli strumenti Sam (Sample Analysis at Mars ) e CheMin (Chemistry and Mineralogy) instrument. Sono in grado di analizzare e riconoscere composti di qualsiasi tipo, compresi quelli organici a base di carbonio, considerati la principale spia della presenza di vita. I campioni di suolo appena studiati provengono da una zona sabbiosa chiamata Rocknest, che si tova in una zona relativamente pianeggiante del cratere e ancora lontana dall’area nella quale si concentrerà il lavoro di Curiosity, il misterioso Monte Sharp che si trova al centro del cratere e che potrebbe essere un deposito di materiale sedimentario, una sorta di archivio della storia geologica, e forse, biologica, marziana.

A stupire i ricercatori è anche la varietà di colori, dimensioni e forme dei cristalli analizzati. Molti elementi sono simili a quelli finora scoperti da altre missioni della Nasa su Marte, come quelle dei rover Spiriti e Opportunity. I composti finora individuati, ma la cui origine è tutta da chiarire, sono idrocarburi clorinati, ossia composti a base di carbonio che hanno reagito con il cloro. ‘’La loro origine può essere biologica, ma potrebbe anche non esserlo’’, ha detto Ernesto Di Mauro, del dipartimento di enetica e Biologia molecolare dell’università Sapienza di Roma. ”Composti di questo tipo – ha aggiunto – si possono trovare anche nelle meteoriti cosi’ come nei depositi di polvere interstellare”. Che siano composti di carbonio legati alla vita o meno, ha osservato l’esperto, ”la loro scoperta è interessante perchè significa che su Marte c’è una chimica del carbonio che si è sviluppata nel tempo e che si è conservata’’. Per il responsabile scientifico di Curiosity, John Grotzinger, è necessaria ancora ‘’una grande dosi di pazienza. Non sappiamo con certezza se i composti a base di carbonio hanno effettivamente origine su Marte’’.

UNA NUOVA SONDA – La Nasa si prepara a lanciare una seconda sonda simile a Curiosity, quella lanciata da Cape Canaveral nel novembre 2011 e atterrata ad agosto proprio sul pianeta rosso. Lo avrebbe annunciato la Nasa stessa a San Francisco alla conferenza autunnale dell’American geophysical union, l’organizzazione no-profit focalizzata sul’avanzamento delle scienze geofisiche. L’obiettivo del lancio del «gemello» di Curiosity: collezionare materiale da analizzare.

La notizia è emersa in un incontro con John Mace Grunsfeld, responsabile delle missioni scientifiche della Nasa. Secondo un tweet di Planetary Society, l’organizzazione che supporta e sponsorizza progetti per l’innovazione nelle tecnologie per lo spazio, la Nasa ha messo in conto di spendere 1,5 miliardi di dollari. Grunsfeld avrebbe dichiarato che la nuova missione non verrà pagata sottraendo fondi da altri progetti.

Nanga Parbat, Nardi tenta l’impresa

Il Nanga Parbat, 8125 metri
Daniele: “Mi sono allenato facendo nuoto in apnea. È un test”

E alla fine Daniele Nardi restò solo. L’alpinista di Sezze Romano (Latina), 36 anni, partirà il 27 dicembre per il Nanga Parbat, la montagna più grande della Terra che raggiunge gli 8125 metri. Obiettivo, prima salita invernale lungo il versante Diamir, lo stesso che ha respinto a gennaio lo sfortunato tentativo di Simone Moro e di Denis Urubko, che non hanno mai avuto una finestra di bel tempo, soltanto un susseguirsi di bufere. Nardi avrebbe dovuto aggregarsi alla spedizione «Jasmine» con americani, ungheresi e romeni, ma è stata annullata. «Pace, io ho i permessi e sono preparato, vado con due alpinisti pakistani». Preparazione singolare, quella di Nardi che ha all’attivo quattro ottomila tra cui anche il Nanga Parbat, versione estiva, lungo la stessa via del Diamir che tenterà verso la fine di gennaio. Spiega: «Ho fatto tanto nuoto in apnea». Scusi? «Alle alte quote il problema è la difficoltà di respirazione, la mancanza di ossigeno insomma. Non so se questo mio allenamento mi sarà utile, è un test. Vedremo». Per due mesi l’alpinista venuto dal mare ha nuotato e fatto allenamenti di respirazione accompagnato da una specialista, la campionessa italiana di apnea Ilaria Molinari. Ha imparato a utilizzare l’ossigeno immagazzinato laddove non c’è modo di aggiungerne ai polmoni, sott’acqua. «Mi sembra di aver imparato», dice con una certa prudenza. E con umiltà aggiunge: «Affronto questa spedizione con timore reverenziale. Non soltanto perché il Nanga Parbat rappresenta mito e storia dell’alpinismo, ma perché ho avuto modo di conoscerne le difficoltà e l’ambiente più che severo quando nel 2008 ho raggiunto la vetta seguendo la via Kinshofer». La stessa che seguirà a gennaio, sulla sinistra della grande parete Nord-Ovest. Ha un sogno Nardi che svela con tanti interrogativi da risolvere una volta che sarà giunto al campo base. «Sarebbe fantastico se potessi risalire la via centrale, lungo i ghiacciai percorsi dai fratelli Reinhold e Gunther Messner nel 1970. Fu una discesa terribile e Gunther morì in una valanga». Con Daniele ci saranno i pakistani Alì Mohammed e Assan, conosciuti durante la sua salita al K2. Alpinisti con esperienza sulle montagne di casa. Spedizione in stile alpino, molto leggera. Con loro due cuochi per il campo base e un cineoperatore-alpinista, Federico Santini. «Credo – dice Nardi – che Federico potrà accompagnarci per un lungo tratto, ne ha la capacità». Nella grande catena del Karakorum ci saranno altre due spedizioni, ma tutte ridimensionate per problemi di finanziamenti. Una sarà sul versante opposto al Diamir, l’immensa parete Rupal, che fu salita per la prima volta dai Messner nel 1970. Sarà un team polacco guidato da Tomasz Lackiewicz. Polacchi anche al broad Peak, Ottomila vicino al K2. Il loro leader è un grande pioniere delle invernali in Himalaya, Krzysztof Wielecki, che nel suo curriculum ha le prime salite invernali a Everest, Lhotze e Kangchenjunga.

Pubblicato: dicembre 5, 2012 in Altura e Cultura

TORNANO GLI SQUADRATI!
Quadrato semiotico delle identità web – Squadrati rastrella il web in cerca d’identità: tra nativi e migranti digitali c’è chi influenza tutto l’anno e chi l’influenza se la becca di stagione. Voi siete più guru, webstar, geek o bimbiminkia? E il neonato @pontifex? Fai il tuo check in sul quadrato semiotico delle identità web.

SQUADRATI

Quadrato semiotico delle identità web – Squadrati rastrella il web in cerca d’identità:  tra nativi e migranti digitali c’è chi influenza tutto l’anno e chi l’influenza se la becca di stagione. Voi siete più guru, webstar, geek o bimbiminkia? E il neonato @pontifex? Fai il tuo check in sul quadrato semiotico delle identità web.

quadrato semiotico delle identità web



Follow Me on Pinterest

View original post