La condanna a morte di Rizana Nafeek, decapitata con una sciabola in Arabia

Morte di Rizana Nafeek

Rizana Nafeek, una lavoratrice migrante dello Sri Lanka, è stata decapitata il 9 gennaio 2013 nella città di Dawadni, a est della capitale dell’Arabia Saudita, Riad.

La donna, uccisa con un colpo di sciabola, era stata condannata a morte il 16 giugno 2007 per l’omicidio di un neonato che le era stato affidato, avvenuto due anni prima. Si era sempre difesa sostenendo che la morte per soffocamento era stata accidentale e causata dalla sua imperizia come baby-sitter. Quella di Rizana Nafeek è la seconda esecuzione del 2013 in Arabia Saudita.
Nel 2012, Amnesty International ha registrato almeno 79 esecuzioni, di cui almeno 27 nei confronti di cittadini stranieri. La pena di morte in Arabia Saudita è prevista per un’ampia serie di reati. Negli ultimi anni, molte condanne a morte sono state eseguite nei confronti di lavoratori migranti provenienti da paesi poveri.
Related articles
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...