Strage di negozi: ogni giorno chiudono 134 attività

Pubblicato: giugno 20, 2013 in Altura e Cultura

microrete

Ogni giorno chiudono cinque negozi di ortofrutta, quattro macellerie, quarantadue negozi di abbigliamento, quarantatre ristoranti e quaranta pubblici esercizi. Per uscire da questa situazione delicatissima, il governo deve mettere mano all’eccessiva pressione fiscale che azzoppa i commercianti e gli imprenditori. “No all’aumento dell’Iva e no alla Tares”, ha detto il presidente della Confesercenti Marco Venturi indicando questo punto tra “le vere e proprie barriere allo sviluppo”. E ancora: “No a sanzioni abnormi di Equitalia a carico di chi non dichiara e non può pagare”.

“Dopo cinque anni di crisi, di mancata crescita, di politiche di austerità dobbiamo cambiare strategia – ha spiegato Venturi che aggiunge – o riprende il mercato e la domanda interna oppure la chiusura delle imprese assumerà ritmi sempre più vertiginosi”.

View original post

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...