Il giallo di Tiziano, scomparso da 8 anni

Pubblicato: ottobre 10, 2013 in Misteri
Tag:, ,
001

di Fabio Frabetti*

Una foto tra le tante scattata all’interno di una discoteca di Milano. I genitori di Tiziano Allegretti l’hanno guardata e riguardata: in quel giovane ragazzo che sta fumando una sigaretta rivedono quel figlio svanito nel nulla da otto anni.

IL MOTORINO – Era il 5 maggio 2005 quando Tiziano, allora ventisettenne, scomparve dal quartiere Quadraro di Roma dopo essere andato dal meccanico a ritirare il suo scooter. Inizialmente si ipotizzò che potesse aver fatto uno sgarro a qualche esponente del clan dei Casamonica , un potente gruppo criminale di zingari stanziali, dal quale saltuariamente si riforniva di cocaina: «In realtà – spiega papà Angelo – con questi zingari non c’erano veri e propri rapporti. Lui non era un tossicodipendente, si riforniva ogni tanto da loro per concedersi qualche serata un po’ più spinta». Nel gennaio del 2006 sono gli stessi genitori del ragazzo a ritrovare il suo motorino in un fossato del Parco di San Policarpo, la stessa zona dove era già stato rinvenuto il cellulare. Non solo. Qualcuno con una bomboletta ha lasciato un messaggio: «Sono scappato by Tiziano». Quella breve frase, sottoposta a perizia, risulterà compatibile per l’80% con la calligrafia del giovane scomparso.

Io e CamillaI genitori di Tiziano

LA RAGAZZA MISTERIOSA – Il mistero si infittisce quando una ragazza di nome Gessica si mette in contatto con la famiglia. Avrebbe molto da dire ma sostiene di non voler aiutare i genitori. Rivela di avere un rapporto molto stretto con Tiziano aggiungendo che il giovane non vuole avere alcun contatto con la famiglia. Per i genitori è il sussulto di speranza tanto atteso. Così iniziano a cercare conferme. E le trovano. Visionando le 20.000 fotografie messe in rete dalla discoteca Karma di Milano si imbattono nel volto di un giovane molto somigliante a Tiziano. Sta fumando una sigaretta all’interno del locale. La perizia antropometrica ne certifica la compatibilità: «Penso si tratti proprio di lui – racconta Angelo – ci sono molte somiglianze. Anche lo stesso modo di fumare così particolare mi ricorda moltissimo quello di mio figlio. A confermare la presenza a Milano di Tiziano ci sono altre immagini girate dal circuito di sorveglianza di un centro commerciale: pur essendo di bassa qualità, il giovane che si vede in compagnia di quella ragazza sembra proprio essere lui. Si intravede anche il modo di muoversi, uno zoppicare con la gamba destra. Esattamente come faceva Tiziano. La cosa che non riusciamo a comprendere è il motivo di questo suo silenzio. Perché Gessica è l’unica persona in grado di vederlo? Forse si è costruito una vita parallela».

GIALLO INTRICATO – Un giorno un dirigente della polizia di Milano fa intendere al padre che il ragazzo non sarebbe potuto rimanere a casa, forse perché in pericolo. Dichiarazioni poi non confermate quando il funzionario fu sentito dalla squadra mobile di Roma. Le rivelazioni di Gessica si sono spinte anche oltre dichiarando che la sua bambina di quattro anni sarebbe addirittura la figlia di Tiziano. Notizie e particolari al limite tra verità e ulteriore offuscamento di una storia già di per se senza uscita. «Il sabato precedente la scomparsa mi aveva chiamato ben cinque volte in un solo giorno – racconta papà Angelo – si era sempre premurato di avvertirci, di non farci preoccupare. Ogni tanto mi chiedo se mi sto arrampicando sugli specchi, se è la mia voglia di rivederlo a farmelo riconoscere in quella foto. Pensiamo sia ancora vivo ma non sappiamo proprio spiegarci il motivo del suo interminabile silenzio. È un rompicapo che continua a tormentarci».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...